BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates

Magnetoterapia

La magnetoterapia è un tipo di terapia definita ‘alternativa’ perchè riconosciuta a livello scientifico come tecnica omeopatica e naturopatica.

Impiega campi magnetici pulsati a bassa frequenza,oppure emissioni elettromagnetiche complesse ad alta frequenza.
Un corpo investito da forze magnetiche reagisce (positivamente in caso di terapia curativa) a livello cellulare, ritrovando il proprio equilibrio biochimico. Infatti, la magnetoterapia è particolarmente utilizzata per combattere condizioni di squilibrio e infiammazioni che generano dolore.

BENEFICI

Velocizza la formazione del callo osseo in seguito a fratture.

Problemi ossei e articolari, crampi mestruali e dolori nevralgici sembrano venire alleviati dalla magnetoterapia, che comunque può essere eseguita, a seconda dell’intensità del campo, con semplici apparecchi da usare in casa o in uno studio specialistico.

In generale la magnetoterapia funziona se la si segue per un periodo di tempo prolungato con sedute giornaliere di almeno un’ora (per un massimo 3 ore al giorno intervallate da almeno due ore di pausa).

Inoltre c’è da considerare che tutti gli studi e le sperimentazioni scientifiche volte a valutare i benefici della magnetoterapia indicano come non si possa considerare, da sola, una cura risolutiva. E’ bene quindi avvalersene sempre e comunque dietro consiglio medico in associazione con altre terapie e solo se i tempi di recupero siano comunque lunghi, proprio perché la magnetoterapia è in grado di dimezzarli, se ben eseguita.

CONTROINDICAZIONI

La terapia non è indicata ai portatori di pacemaker o di altre apparecchiature elettroniche in quanto i campi magnetici potrebbero alterarne il funzionamento.

E’ inoltre decisamente sconsigliata a coloro che sono affetti da malattie tumorali e in coloro che soffrono di insufficienza coronarica, disturbi ematologici, problemi vascolari, alterazioni funzionali organiche, psicopatologie, epilessia, alcune malattie infettive, micosi, iperfunzione tiroidea, sindromi endocrine, donne in stato di gravidanza o allattamento.